domenica 7 dicembre 2008

Navigare

La Poesia

Cartolina_di_mare_22


Lasciarsi cullare sull’eco infinita dell’onda: una danza
antica per assaporare il fascino del disagio
come l’appoggio precario della frase d’un adagio
ma anche l’elegante dondolio di una speranza
che brulica tra un ricordo e una fantasia,
il sogno primordiale che avvolge e fugge via

Tratta da"Quelle che smuovono..." di Fausto Nicolini, Campanotto Editore


2 commenti:

  1. Caro Fausto,

    Sono lieto per trovare qui.
    Immediatamente ho fatto seguace di il tuo blog. Sarò sia da quello che succede qui.

    Un forte abbraccio,
    La vostra prima tradutrize. ;-)

    Estel J.

    RispondiElimina
  2. Farsi cullare dalle onde, dimenticare il peso della vita...
    Almeno per un attimo
    Come quando si mette la testa sott'acqua
    Senti la spinta del mare che avvolge e fa volare
    Niente suoni
    Nessun pensiero
    Solo il mare che ti coccola
    Kam

    RispondiElimina